Biografia

Chi è, cosa fa e perché

Chi è

Chiara Pavan è nata nel 1980, ha cominciato il proprio percorso evolutivo consapevole all’età di vent’anni, spinta in particolar modo dalle difficoltà affrontate nel periodo infantile ed adolescenziale.

Dopo anni di pratica spirituale attraverso meditazione, seminari e lavoro sul Sé, ha trascorso un periodo in Sud America e vissuto un triennio in India, per poi scegliere di fermarsi nel territorio di origine, dove avrebbe potuto trasmettere esperienze e benefici vissuti in prima persona in quei luoghi.

Chiara è educatrice infantile, massoterapeuta (apprendimento in Italia e India di massaggio ayurvedico, tibetano, bioenergetico vibrazionale, emozionale con pennelli, riattivante, decontratturante, linfodrenante, sportivo con abilitazione CSEN-CONI), operatrice olistica (psicosomatica, metamedicina, tecnica vibrazionale di Baba Bedi XVI, respirazione cranio sacrale e rilascio emozionale, musicoterapia con campana tibetana, kinesiologia integrativa, floriterapia di Bach, comunicazione animica, trattamenti energetici di riequilibrio e pulizia delle memorie), e counselor.

Vive, lavora ed insegna in Val Susa (Torino, Italia).

Chiara dice sempre che la conoscenza rende liberi, che la Consapevolezza è il massimo grado di conoscenza, il Maestro Interiore grazie alla qual guida si affrontano le cose con saggezza, equilibrio e senza paura, attraverso cui ci si riconnette alla Sorgente.

Parlando con lei si può pensare che giungere alla Consapevolezza dovrebbe essere la meta di chiunque desideri sentirsi libero. Un percorso di Consapevolezza è un cammino di risveglio, di autonomia psichica e spirituale, che si riflette sul piano emotivo e materiale nella vita di tutti i giorni.

Facendo un percorso che porta alla Consapevolezza cambia l’approccio alla vita e l’esperienza si fa interessante e più leggera. Lavorando su di sé, secondo la modalità che Chiara insegna, si raggiungono obiettivi concreti e questo stimola la volontà di proseguire, nonostante le difficoltà.

Cosa fa

Per sintetizzare potremmo definire Chiara Pavan un aiuto, una guida. La sua più grande qualità è saperci ascoltare, osservare, capire ed interpretare con semplicità e precisione, sapendoci accompagnare al benessere nell’anima e nel corpo. Chiara conduce le persone alla consapevolezza di se stesse ed offre loro la possibilità di essere responsabili di sé e della loro vita. Promuove l’autonomia nella crescita personale e spirituale.

Chi la cerca per risolvere un problema di salute, chi per superare un periodo difficile o per trasformare una dinamica dannosa, chi per intraprendere un cammino di crescita e di liberazione.

A volte si fa in fretta, a volte ci vuole tempo; a volte è più facile, a volte meno. Molto dipende dalla predisposizione dell’ospite e dalla resistenza che oppone a lasciar andare i vecchi schemi.

Come

Attraverso incontri individuali, che sono un medley di mezzi appresi nel tempo, laboratori o meditazioni di gruppo, seminari, lezioni di tecniche evolutive o uscite in natura in cui si sperimenta il sentire, Chiara ci aiuta e ci insegna a portare avanti autonomamente la nostra Trasformazione.

Per decidere che percorso fare con lei bisogna considerare quali obiettivi intendiamo raggiungere e quanta volontà mettiamo noi ricercatori nel farlo. Per ottenere risultati servono assolutamente determinazione e fiducia.

Poi le modalità sono tante ed ognuno ha il suo cammino, quindi Chiara sceglierà tra i suoi strumenti quali utilizzare per accompagnarci nel modo e nel tempo a noi più congeniale.

La meta è raggiungere lucidità, chiarezza, serenità, salute, benessere psicofisico, autorealizzazione, indipendenza e qualità di vita. Divenire ciò che si è realmente, familiarizzare con il proprio potere personale ed imparare ad usarlo secondo Coscienza per governare la propria esistenza.
A tanti fa paura e per altri è rinascere…

Perché

Dice Chiara:

Finché l’Uomo è schiavo dell’illusione soffre e crea sofferenza. Per il proprio bene, per quello altrui e per quello dell’ambiente in cui vive, l’Uomo dovrebbe divenire consapevole e liberarsi da essa. Nulla è come appare, tutto è un messaggio intrinseco e deve essere interpretato, per crescere ed evolvere“.

Anche io come tutti ho vissuto credendo all’illusione di Maya e soffrendo spesso, ma ad un certo punto tutto è cambiato ed ho iniziato a partecipare alla vita con equilibrio e serenità. Ero sempre io, ma diversa. Era cambiata la mia prospettiva. Da qui in avanti ho cominciato a trasmettere quella visione a chi aveva voglia di condividerla, sentivo che era ciò che dovevo fare per realizzarmi. In principio agivo con timidezza e timore e poi con sempre più coraggio… ed ho cominciato a provare la gioia di essere me stessa“.

Ed ancora
C’è sempre chi ci ama e chi ci odia ma è una risonanza con i conflitti che portiamo dentro e non abbiamo bisogno di credere che quell’amore o quell’odio siano reali. Ciò che solo dobbiamo riuscire a fare è essere ciò che siamo realmente, superando i giudizi, le paure, i sensi di colpa e quant’altro si attiva in noi dal confronto con gli altri. La Vita è meravigliosa e tutti dovremmo saperlo. Vale la pena di viverla. Non l’illusione, la finzione della vita, la Vita vera, quella che sta oltre”.

Io non sono una Maestra e non ho tutte le risposte, ma so come si può vivere senza filtri sugli occhi e so che questo fa stare bene noi e tutto ciò che ci circonda. Ecco perché faccio qual che faccio. Perché posso accompagnare i ricercatori a conoscersi ed a vedere con occhi nuovi. Solo perché questa è la mia strada. Gandhi diceva che dovevamo essere noi il cambiamento che avremmo voluto vedere nel mondo ed io ho sempre condiviso questo pensiero”.

Le persone che mi cercano sono quelle che risuonano con me e che percepiscono il significato nascosto delle mie parole, quelli che sentono che un Uomo Nuovo sta sbocciando. Sono quelli che sentono di appartenere a questa categoria o che vogliono farne parte. Per me è una gioia insegnargli a comunicare con l’Esistenza ed a liberarsi dalla sofferenza dell’illusione”.